Green pass. Ateneo Foggia: elasticità per chi non ha il certificato rafforzato

71 Visite

“Le lezioni e le attività connesse alla didattica sono state garantite con continuità e nel pieno rispetto delle regole in questo semestre non ancora terminato. Le festività ormai vicine impongono una sospensione proprio in questi giorni, ma siamo certi di rivedere tutti i nostri studenti alla ripartenza delle lezioni di gennaio 2022”. 

E’ quanto sostiene il rettore dell’Università di Foggia, Pierpaolo Limone, nel commentare l’esito delle attività in presenza, in questi mesi, nei vari Dipartimenti tenendo sempre conto dei decreti che sino ad ora si sono succeduti relativamente alla capienza delle aule, rispettata senza nuocere a chi, non potendo essere in presenza, ha seguito i corsi da remoto. 

La puntualizzazione giunge anche per smorzare alcune polemiche relative alle sedute di laurea di questi ultimi giorni. Il decreto legge 172/2021 richiede il possesso del green pass rafforzato, anche in zona bianca, dal 6 dicembre fino al prossimo 15 gennaio per accedere alle cerimonie pubbliche. 

Le sedute di laurea sono a tutti gli effetti cerimonie pubbliche e l’Ateneo di Foggia, come altri Atenei d’Italia, si è immediatamente attivato per conformarsi alle disposizioni di legge valide anche in zona bianca, consentendo a chi non risulti in possesso di green pass rafforzato, per le sedute di laurea di dicembre, di poter usufruire della modalità on line/duale. 

“L’Università di Foggia – si legge in una nota dell’ateneo – garantisce il massimo rispetto delle regole coniugandole a un criterio che tiene conto anche di un principio di elasticità per chi non risulti ancora in possesso del green pass rafforzato”.

Promo