Inps per tutti, accordo quadro con Anci e Caritas

133 Visite

Accordo quadro tra Inps, Anci, Caritas e Comunità di Sant’Egidio sul progetto “Inps per tutti” per favorire l’accesso alle prestazioni assistenziali e previdenziali da parte di coloro che, pur avendone potenzialmente diritto, hanno difficoltà a fruirne, a causa del contesto di emarginazione o della condizione di fragilità economica, sociale e familiare in cui vivono. Lo fa sapere l’Inps con una nota.

Obiettivo dell’iniziativa, che prosegue la sperimentazione avviata nel 2019 nelle aree metropolitane di Roma, Milano, Torino, Napoli, Bologna, Bari e Catania, è sviluppare un’attività di collaborazione tra enti, volta a favorire l’accesso a queste prestazioni. “L’Inps ha ragione d’essere se si occupa delle persone, se è un Istituto per tutti – ha commentato Pasquale Tridico, Presidente Inps – obiettivo del progetto Inps per tutti è raggiungere chi è ai margini della società, le persone meno scolarizzate o senza i mezzi per accedere agli strumenti di assistenza messi a disposizione dalla Repubblica Italiana, in quanto loro diritto”.

E specifica la necessità di quest’alleanza “laddove, come Istituto, non riusciamo a entrare in contatto con i soggetti più ai margini, diventa determinante l’alleanza con coloro che conoscono e toccano con mano queste marginalità. Una collaborazione essenziale che, attraverso l’accordo firmato oggi per il Lazio con Caritas, Comunità di Sant’Egidio e Anci Lazio, deve metter in moto effetti che si dispieghino concretamente giorno per giorno. Non siamo interessati a un impatto massivo ma alla qualità dell’intervento su chi ne ha bisogno, sulla base dei diritti, perché questo è il vero servizio istituzionale al Paese”.

Promo